MISE MACCHINARI INNOVATIVI

OBIETTIVO

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione, nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, di programmi di investimento diretti a consentire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa ovvero a favorire la transizione del settore manifatturiero verso il paradigma dell’economia circolare mediante l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei predetti beni materiali.

La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari complessivamente a euro 265.000.000.

BENEFICIARI

Micro, piccole e medie imprese (PMI) e i liberi professionisti.

Possono beneficiare dell’intervento anche le imprese che realizzano programmi di investimento caratterizzati da comuni obiettivi di sviluppo e che aderiscono ad un contratto di rete, fino ad un massimo di 6 co-proponenti.

Sono ammesse le attività manifatturiere, ad eccezione delle attività connesse ai seguenti settori

• siderurgia; 
 estrazione del carbone;
• costruzione navale;
• fabbricazione delle fibre sintetiche;
• trasporti e relative infrastrutture;
• produzione e distribuzione di energia, nonché delle relative
• infrastrutture.

Sono inoltre ammesse le attività di servizi alle imprese elencate nell’allegato 3 del decreto ministeriale 30 ottobre 2019.

PROGETTI AMMISSIBILI

I programmi di investimento ammissibili devono:

• prevedere spese non inferiori a euro 400.000,00 e non superiori a euro 3.000.000,00.
Nel caso di programmi presentati da reti d’impresa ciascun proponente deve prevedere spese ammissibili non inferiori a euro 200.000,00;
• essere realizzati presso unità produttive localizzate nei territori delle Regioni meno sviluppate;
• prevedere l’acquisizione di tecnologie abilitanti atte a consentire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa e/o
di soluzioni tecnologiche in grado di rendere il processo produttivo più sostenibile e circolare.

 

LE AGEVOLAZIONI

Le agevolazioni sono concesse, nei limiti ESL 2014-2020, nella forma del contributo in conto impianti e del finanziamento agevolato, per una percentuale complessiva del 75 %. :

  • per le imprese di micro e piccola dimensione, un contributo in conto impianti pari al 35% e un finanziamento agevolato pari al 40%;
  • per le imprese di media dimensione, un contributo in conto impianti pari al 25% e un finanziamento agevolato pari al 50%.

Il finanziamento agevolato non è assistito da particolari forme di garanzia e deve essere restituito senza interessi in max 7 anni. Le agevolazioni sono erogate da Invitalia

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
In attesa apertura secondo sportello