SIMEST – FIERE & MOSTRE  

INVIO DOMANDA: DAL 3 MAGGIO (FINO AL 10/05, SALVO CHIUSURA ANTICIPATA) DEL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE.

OBIETTIVO

Sostenere la partecipazione, anche in Italia, ad un singolo evento, anche virtuale, di carattere internazionale tra Fiera, Mostra, Missione imprenditoriale o Missione di sistema, per la promozione di beni e/o servizi prodotti in Italia o a marchio italiano;

destinato per almeno il 30% a spese digitali connesse al progetto. Tale vincolo non si applica nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali.

BENEFICIARI

Imprese PMI con sede legale in Italia (anche “Rete Soggetto”) costituite in forma di società di capitali (e anche di “Rete Soggetto”) che hanno depositato presso il Registro imprese almeno un bilancio relativo a un esercizio completo (12 mesi interi, a prescindere dalla data di inizio), e che hanno un un fatturato (voce A1 del conto economico) rappresentato – per una quota almeno pari al 50% – dalla produzione (di beni e servizi) in Italia anche se con marchio di proprietà estera, oppure commercializzare

– per una quota almeno pari al 50% – prodotti con marchio italiano anche se prodotti
all’estero.

Sono escluse le imprese attive in via prevalente nei settori della pesca e dell’acquacoltura e nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli (agricoltura, silvicoltura e pesca), produzione di carne non di volatili e dei prodotti della macellazione, produzione di carne di volatili e dei prodotti della macellazione.

SPESE AMMISSIBILI

Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra che dovranno rappresentare almeno il 30% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra:

– fee di iscrizione alla manifestazione virtuale, compresi i costi per l’elaborazione del contenuto virtuale (es. stand virtuali, presentazione dell’azienda, cataloghi virtuali, eventi live streaming, webinar);

– spese per integrazione e sviluppo digitale di piattaforme CRM;
– spese di web design (es. landing page, pagina dedicate all’evento) e integrazione/innovazione di contenuti/funzionalità digitali anche su piattaforme già esistenti;
– spese consulenziali in ambito digitale (es. digital manager, social media manager, digital marketing manager);
– spese per digital marketing (es. banner video, banner sul sito ufficiale della fiera/mostra, newsletter, social network);
– servizi di traduzione ed interpretariato online;
Altre spese che dovranno rappresentare non più del 70% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese per area espositiva:

– affitto area espositiva, compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti fissi obbligatori; allestimento dell’area espositiva (es. pedana, muri perimetrali, soffitto, tetto o copertura, ripostiglio);

– arredamento dell’area espositiva (es. reception desk, tavoli, sedie, vetrine espositive, cubi espositivi, porta brochure);

– attrezzature, supporto audio/video (es monitor, tv screen, proiettori e supporti informatici, videocamere);

– servizio elettricità (es. allacciamento elettrico, illuminazione stand e prese elettriche per il funziona-
mento dei macchinari qualora presenti nello stand);

– utenze varie;
– servizio di pulizia dello stand;
– costi di assicurazione;
– compensi riconosciuti al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) per il periodo riferito all’esecuzione della fiera/mostra (compresi viaggi, soggiorni e trasferte per il raggiungimento
del luogo della fiera/mostra) e/o direttamente collegati alla fiera/mostra stessa, come da idonea documentazione comprovante la spesa. Eventuali ulteriori compensi al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) sono riconosciuti nella misura massima del 10% dell’importo del finanziamento concesso;

– servizi di traduzione ed interpretariato offline.

b) Spese logistiche
Trasporto a destinazione di materiale e prodotti esposti, compreso il trasporto di campionario; movimentazione dei macchinari/prodotti.

c) Spese promozionali
Partecipazione/organizzazione di business meeting, workshop, B2B, B2C;
spese di pubblicità, cartellonistica e grafica per i mezzi di stampa (es. pubblicità nel catalogo ufficiale, magazine e quotidiani informativi della fiera o della mostra, a supporto dell’iniziativa, stampa specializzata, omaggistica);

realizzazione banner (es. poster e cartellonistica negli spazi esterni e limitrofi al centro fieristico);
spese di certificazione dei prodotti.

d) Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiera/mostra
Consulenze esterne (es. designer/architetti, innovazione prodotti, servizi fotografici/video).
Nota: nel caso in cui l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali, il vincolo del 30% minimo di cui sopra non si applica.

NON AMMISSIBILI

– spese per attività connesse all’esportazione, ossia le attività direttamente collegate ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione, o le spese correnti connesse con l’attività di esportazione;

– spese per consulenze finalizzate alla presentazione della richiesta di Intervento;
– spese per immobilizzazioni immateriali e finanziarie (con riferimento alle Spese per la Sostenibilità e l’internazionalizzazione), ad eccezione di quelle espressamente indicate nel paragrafo 5.1 “Spese Ammissibili”);

– spese relative ad attività correnti dell’Impresa Richiedente (quali a titolo esemplificativo le spese relative al personale dell’Impresa Richiedente o di soggetti riferibili all’Impresa Richiedente quali esponenti o soci dell’impresa Richiedente). Sono in ogni caso escluse spese correnti relative alle strutture all’estero (gestione, personale, viaggi);

– spese oggetto di altra agevolazione pubblica (ivi incluso il c.d. doppio finanziamento);

– spese connesse ad Attività e attivi e Settori esclusi;
– spese non conformi ai requisiti della relativa Circolare.

IMPORTO FINANZIABILE

Il minor importo tra euro 150.000,00 e il 15% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato.
L’esposizione complessiva del Richiedente verso il Fondo 394/81 non potrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci.

AGEVOLAZIONI

E’ un finanziamento a tasso agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework*”.
Quota massima a fondo perduto: fino al 40% per le PMI del Sud, fino al 25% per le restanti PMI.
La quota di co-finanziamento a fondo perduto è concessa in ogni caso nei limiti dell’importo massimo complessivo di agevolazione in regime di Temporary
Framework per impresa. Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

PRESENTAZIONE DOMANDE

Precompilazione e caricamento documenti dal 27/04 al 2/05.

Finanza Agevolata